sarfati
Haridimos Hatzidakis - Santorini (Grecia)
  Haridimos Hatzidakis, Santorini

Haridimos Hatzidakis è nato e cresciuto a Creta, prima di iniziare la sua formazione in Agronomia ed Enologia ad Atene, e di affrontare una robusta e importante esperienza professionale per Boutari, una delle più grandi aziende vitivinicole elleniche, tra l'isola natale e Santorini. E proprio nell'antica Thira - eden viticolo preservato dalla fillossera grazie alla natura vulcanica del suolo - Haridimos ha voluto iniziare il proprio percorso personale, nel 1997. Vecchie viti a piede franco e nuovi vigneti recuperati da un tenace lavoro, coltivati con l'arcaica e affascinante potatura "a canestro", vitigni di indubbio valore, tra cui spicca l'Assyrtiko, rese per ettaro bassissime, un clima mediterraneo di eccezionali generosità ed equilibrio... ecco il tesoro che Hatzidakis ha inteso preservare da subito con una viticoltura pulita, gradualmente certificata biologica. Niente prodotti di sintesi, ma zolfo, concimi organici (vinacce e guano) e lavoro manuale: ecco la via percorsa da Haridimos per i 10 ettari di vigna coltivati direttamente o in collaborazione con altri viticoltori nei villaggi di Pyrgos Kallistis, Megalochori, Emporio e Akrotiri, nel sud dell'isola. 

Le scelte di cantina tracciano un solco d'avanguardia nello scenario greco: meno interventi possibile, con una predilezione per le fermentazioni spontanee (lieviti indigeni), le chiarifiche statiche, gli affinamenti (in vasca o in botte) sulle fecce fini, gli imbottigliamenti con filtrazioni blande o addirittura senza. Inoltre, l'uso dei solfiti è sempre più contenuto. L'Assyrtiko, uva bianca di grande struttura e di innato equilibrio, assicura un rapporto bilanciato tra alcol e acidità, persino nelle uve surmature, e lo straordinario binomio tra brezze salmastre e terreno vulcanico offre ai vini una mineralità invidiabile.  

Santorini bianco (pdo)

Vitigno: Assyrtiko 100%
Vigneto: Pyrgos Kallistis, Megalochori, Akrotiki e Vourvoulos, isola di Santorini - Viti a piede franco - Esposizione nord/nord-est - Altitudine 150/300 metri.  
Potatura e resa media per pianta: Potatura a canestro (ambelia). Resa: 20-25 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 2.500 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Terreno vulcanico disgregato, con scisto e sottosuolo calcareo scistoso.
Vinificazione: Vendemmia manuale. Pressatura diretta delle uve. Chiarifica statica. Fermentazione spontanea con lieviti indigeni a temperatura controllata (18°C). Affinamento sulle fecce fini per 40 giorni e maturazione in acciaio inox. Imbottigliamento con blanda filtrazione e uso limitato di solfiti. 
Solfiti: n.d.
Quantità media prodotta: 52.000 bottiglie nel 2012.
Tipo di bottiglia e chiusura: Bottiglia bordolese. Tappo in sughero monopezzo. 

Santorini bianco "Cuvée n°15"

Vitigno: Assyrtiko 100%
Vigneto: Pyrgos Kallistis, Emporio e Messaria-Vothonas, isola di Santorini - Viti a piede franco - Esposizione nord/nord-est - Altitudine 150/300 metri.  
Potatura e resa media per pianta: Potatura a canestro (ambelia). Resa: 20-25 ettolitri/ettaro.
Densità d’impianto: 2.500 piante/ettaro.
Suolo e sottosuolo: Terreno vulcanico disgregato, con scisto e sottosuolo calcareo scistoso.
Vinificazione: Vendemmia manuale. Macerazione a freddo pre-fermentativa (12 ore). Pressatura. Chiarifica statica. Fermentazione spontanea con lieviti indigeni a temperatura controllata (18°C). Affinamento sulle fecce fini e maturazione in acciaio inox per 8 mesi. Imbottigliamento manuale senza filtrazione e uso limitato di solfiti. 
Solfiti: n.d.
Quantità media prodotta: 2.700 bottiglie nel 2012.
Tipo di bottiglia e chiusura: Bottiglia borgognona. Tappo in sughero monopezzo. 

Altri vini:

Santorini "Assyrtiko de Mylos – vieilles vignes" (pdo)


 
     
copyright Sarfati 2006